Fever

Brasile: Sciopero dei lavoratori nei supermercati di Minas Gerais

Non importa quanto sia severa la quarantena, i supermercati continuano ad operare normalmente in ogni stato del Brasile. Pare che sia uno dei pochi settori a non seguire la tendenza generale dei licenziamenti di massa. Al contrario, assumono più personale dato che i negozi sono sempre pieni di gente che cerca di fare scorta di cibo.

Per rimanere aperte, queste ditte dovrebbero offrire ai dipendenti una serie di dispositive di protezione e adottare procedure per ridurre il numero di clienti all’interno dei negozi, cosa che evidentemente non accade nella maggior parte dei luoghi.

Per questo motivo, il 21 marzo i lavoratori della catena BH hanno incrociato le braccia per rivendicare la loro sicurezza. I lavoratori a Lagoa da Prata, Mas Gerais (uno stato nel sud-est del Brasile), si sono radunati davanti agli ingressi e hanno rifiutato di tornare a lavorare finché non sarà ridotto il numero di clienti all’interno del negozio. “Nessuno lavorerà con cosi tanta gente nel negozio, nessuno! Voi pensate che questa situazione sia uno scherzo, ma è roba seria”, disse una commessa nel video della protesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *